8.10.11

Conoscere la Basilicata coast to coast

Ho guardato il film Basilicata coast to coast del regista Rocco Papaleo e sceneggiatura di Valter Lupo. Quattro ragazzi musicisti si avventurano per attraversare la Basilicata a piedi, da Maratea a Scanzano Jonico, per partecipare ad un festival musicale proprio a Scanzano. Si intrecciano le loro storie con quelle di due ragazze incontrate lungo il loro viaggio e della moglie di uno dei quattro. Devo dire che il film non aveva mai particolarmente attirato. Già guardando la locandina del film non c'era niente che mi spingesse a guardarlo. Alla fine ho deciso di farlo. Devo dire che le aspettative che avevo sono state confermate. Il film scorre da sè senza lasciare momenti particolari di riflessione. Se l'intento era quello di far conoscere la Basilicata non so se sia riuscito. Certo si mostrano alcuni paesini della Basilicata e il regista ci offre alcune panoramiche delle campagne della regione, ma tutto rimane molto fine a sè stesso. Non ci fa conoscere una regione del sud come ad esempio riesce a fare "Benvenuti al sud". C'è un Max Gazzè che sembra messo lì solo per avere una stella della musica nel cast (nel film la musica ha un ruolo importante), visto che non parla per tutto il film. Il suo ruolo è quello di un muto "per scelta" potremmo dire e per motivi certamente tristi. Il problema è che quel ruolo viene giocato male nella storia. A volte si ha la sensazione di guardare non un uomo sofferente ma uno un po' "imbecille", se mi si consente il termine. Solo alla fine del film riesce a tornare a parlare e ovviamente dice una cosa sbagliata e questa scelta devo dire che l'ho apprezzata. La sua storia personale non ha un esito scontato come spesso succede in film di commedia.
Ve lo consiglio? Guardatelo e fatemi sapere cosa ne pensate voi.